L’alimentazione ideale per una giornata sulla neve con gli sci o lo snowboard

0

E’ ufficialmente iniziata la stagione sportiva invernale e anche le nostre prime uscite sulla neve.

A questo proposito abbiamo deciso grazie all’aiuto della Dott.essa Federica Pagliarini, biologa nutrizionista, di darvi qualche consiglio sull’alimentazione ideale per affrontare al meglio le lunghe giornate sulla neve con gli sci o snowboard ai piedi o anche semplicemente per escursioni e passeggiate con ciaspole e racchette.

Qual è l’alimentazione più corretta se si praticano questi sport?

Ecco qualche indicazione sull’ alimentazione ideale per affrontare al meglio le giornate sulla neve:

Durante i mesi freddi mangiamo di più, questo perché il nostro organismo deve compensare le temperature basse con maggior fabbisogno di calorie; le basse temperature infatti ci fanno bruciare più grassi!
I brividi che si provano per il freddo contribuiscono infatti a trasformare il grasso bianco di riserva in grasso bruno da bruciare. Di conseguenza l’alimentazione invernale deve essere più calorica, quindi anche l’alimentazione di colui che pratica sport invernali deve seguire delle linee ben precise:

1) LA COLAZIONE:

In questo caso è ancora più importante perché ci dovrà fornire l’energia per affrontare le piste durante la mattinata.
La colazione deve essere ben bilanciata sia in proteine che in carboidrati (sia carboidrati complessi, quindi a lento rilascio, che carboidrati semplici ossia a rilascio immediato).
giusta-alimentazione-neve-boardtrip-experience-9Il primo consiglio è quello di non eccedere con gli zuccheri durante la colazione; una colazione costituita da cappuccino, brioche e altri dolci infatti è molto sbilanciata, ci fornirà energia nell’immediato ma ci lascerà scoperti per tutto il resto della mattinata.
Molto meglio bilanciare i carboidrati con le proteine e scegliere, se piacciono, delle alternative salate!
Ecco alcuni esempi:

  • una tazza di latte parzialmente scremato con del pane tostato e qualche cucchiaino di marmellata e un po’ di frutta secca.
  • Un caffè o un infuso non zuccherato, due fette di pane tostato, un po’ di ricotta o un affettato magro o un uovo e un frutto fresco.

2) LO SPUNTINO:

Bisogna portare con sé qualcosa di pratico da mangiare, come ad esempio una barretta energetica o una manciata di frutta secca che sazia e da energia  verso metà mattinata magari durante la risalita in seggiovia gustandosi il paesaggio.

Evitate, se riuscite, break a base di: bombardini, birra, cioccolate non molto indicati durante l’attività fisica.

giusta-alimentazione-neve-boardtrip-experience-3


3) IL PRANZO:

Deve essere costituito da alimenti semplici e non troppo ricchi di grassi che ci appesantirebbero in fase digestiva e ci faranno essere meno energici… tradotto: ci farebbero passare la voglia di continuare a sciare il pomeriggio.
Scegliere sempre pietanze con metodi di cottura semplici e poco conditi. Evitate patatine fritte e carni troppo grasse e condite.

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

Ecco un esempio di un ottimo pranzo:

  • un primo piatto di pasta o riso condito con sugo semplice o in bianco, abbinato a verdure e uova oppure grana.

giusta-alimentazione-neve-boardtrip-experience-5 giusta-alimentazione-neve-boardtrip-experience-6

  • Anche se fa freddo e non abbiamo molta sete è sempre molto importante mantenersi idratati e bere quindi almeno 1,5 l di acqua durante l’arco della giornata; se piacciono vanno benissimo anche tisane, te o infusi basta che non siano zuccherati!

4) LO SPUNTINO POMERIDIANO:

Finita la giornata sulle piste, si può recuperare un pò di energia con un frutto e una tisana. E poi si… anche uno spritz ma solo se state ad un aprés-ski.


5) LA CENA:

Ma la sera è meglio non appesantirsi per questo motivo le porzioni dovranno essere un po’ più ridotte. Il pasto dovrà comunque sempre essere costituito da un carboidrato (possibilmente diverso dal pranzo, quindi del pane se a pranzo ho mangiato della pasta) abbinato ad un secondo (carne o pesce) e ad un contorno o in alternativa vanno bene zuppe di cereali e legumi che costituiscono un piatto unico, saziano e soprattutto riscaldano. Se siete stati bravi durante tutta la giornata, vi potete concedere un dolcetto per chiudere in bellezza la giornata ma occhio alle porzioni 😉.


E’ davvero molto importante non sottovalutare l’alimentazione sopratutto durante la pratica di un’attività fisica molto dispendiosa come qualsiasi sport invernale.

Oltre allo sforzo fisico infatti bisogna tener conto dell’altitudine e delle basse temperature che mettono ancora di più sotto stress il nostro organismo.

Una sana e corretta alimentazione può fare davvero la differenza tra “una giornata si” e “una giornata no” sulle piste.


https://www.youtube.com/watch?v=XjS-vPXblpk&t=1568sPer qualsiasi approfondimento o dubbio:

Dott.essa Federica Pagliarini
320.03.19.801
federica.pagliarini@gmail.com
www.nutrizionistaroma.me
Pagina Facebook – Pagina Instagram

Per conoscere i nostri prossimi eventi, clicca qui

 

Share.

Leave A Reply